Come far crescere il tuo blog sfruttando Instagram

Strategie e storytelling per aumentare il tuo potenziale



Quando hai deciso di aprire un blog hai sicuramente pensato anche ai vari social e come condividere il tuo contenuto su questi.

Il mondo di internet di oggi, a prescindere da quello che se ne possa pensare, ruota per la maggior parte intorno alla condivisione sui Social network, la sponsorizzazione, il raccogliere follower fra le varie piattaforme per poi dirottarli al proprio blog.

Il network preferito da molti blogger, per ovvi motivi legati alle sue modalità di condivisione e alle potenzialità di raggiungimento di pubblico specifico, è sicuramente Instagram.

Come usare Instagram per il tuo blog

Pensare però di tuffarsi e sponsorizzare il proprio blog su Instagram semplicemente creando curiosità sul contenutog è una strategia con poca lungimiranza.

In alcuni casi può essere sufficiente, basti pensare ai food blog, dove il contenuto può essere ben sintetizzato con belle foto legate alla ricetta discussa o all’argomento affrontato.
Stesso discorso, forse persino più pertinente, può essere fatto per un travel blog: postare anteprime, teaser e materiale atto a convertire i follower di Instagram in lettori del blog e frequentatori di questo, è solitamente una strategia piuttosto solida.

Non si esaurisce però tutto qui. Uno dei consigli principali infatti per chi vuole investire in Instagram per aumentare la portata del proprio account e, di conseguenza, del blog, è quello di investire nel cosiddetto “personal branding”: crearsi un’identità, essere raggiungibili dalle persone e poterle raggiungere.
Far partecipare le persone a momenti della propria vita, così da instaurare dei rapporti dove le persone hanno accesso a momenti d’intimità, fa sì che anche il blog diventi una parte di questa intimità.

Instagram mette a disposizione un corposo numero di strumenti per creare questo filo rosso in grado di ricondurre le persone interessate al blog, ma bisogna saperli sfruttare.

Le potenzialità di Instagram

Una delle prime regole per un social network basato su foto e, da qualche tempo, sui video è ovviamente saper sfruttare il medium. Foto mosse, di bassa qualità, senza particolare attinenza agli argomenti solitamente trattati dal blog ovviamente non vi aiuteranno.

Anche fare una foto di buona qualità e poi non saperla valorizzare al meglio con colori brillanti e i giusti hashtag non daranno i risultati sperati, né per il proprio account Instagram né per il blog.

Le foto dovranno quindi essere pensate in accordo col tema di cui parlate, essere di buona qualità e riuscire ad avere i giusti tag così che finiscano nelle home di chi è interessato a quegli argomenti.

Strategia: la chiave di tutto

Non solo, dovrete anche pensare a una strategia di pubblicazione: se ad esempio il vostro blog riguarda la cucina, può essere una buona idea postare le foto in momenti specifici della giornata legati proprio a quello che state presentando. Vedere una proposta di colazione alle 7 di sera non avrà sicuramente lo stesso effetto del vederla alle 9 di mattina!

Alcune strategie prevedono di postare semplicemente all’interno delle fasce orarie dove i social vengono più usati, ovvero dalle 14 alle 18 circa. Non è difficile capire però che se tutti seguissero queste linee guida, dalle 14 alle 18 Instagram e le varie piattaforme esploderebbero e sarebbe un caos generale. Bisogna trovare i momenti giusti, possibilmente in maniera strategica, per massimizzare il potenziale di crescita.

Un’altra regola che dev’essere considerata quando il vostro obiettivo è usare Instagram per valorizzare il blog, è dare sempre due cose a qualsiasi visitatore dell’account: un link immediato al blog e una cosiddetta CTA, la Call To Action. Il primo serve, ovviamente, a reindirizzare subito al contenuto che volete venga visto, letto e seguito, mentre il secondo è letteralmente uno spingere chi sta guardando a un’azione specifica: commentare, visualizzare un video o una pagina, mettere il blog in una lista di feed, o semplicemente fargli scoprire il blog in sé. Usare le Call To Action è essenziale per spingere la conversione di follower d’Instagram a seguaci del blog e appassionati.

Il gran finale: lo storytelling

Ovviamente tutte queste strategie non possono esistere da sole. Al centro di ogni piano, anche il più organizzato, la capacità di coinvolgere gli utenti rimane sempre in mano al contenuto e il famoso “Content is key” rimane sempre il punto focale di ogni tentativo di avere seguito.

Studiate quindi bene il copywriting delle foto, dei link, dei post sui vari social (che non devono ovviamente esaurirsi ad Instagram, ma dovrebbero espandersi su Facebook per poter raggiungere ancora più persone) e date fondo alle vostre capacità di scrittura e creazione dei contenuti, in modo da stimolare le persone a seguire interessate e raccogliere spunti da ciò che create.

Avete le chiavi di uno strumento molto potente: l’importante è imparare a gestirlo.

Prenota un appuntamento